Vai ai contenuti
teatro cinema festival formazione
OBIETTIVI

LO SPETTACOLO ITALIANO SI RILANCIA

L’iniziativa intende sostenere la ripresa delle produzioni italiane del settore dello spettacolo dal vivo e promuoverne il rilancio sui mercati internazionali attraverso la rete delle più alte Rappresentanze Istituzionali italiane nel mondo.

I 20 progetti scelti - di teatro, danza e circo contemporaneo - produrranno il video dei rispettivi spettacoli entro il 14 dicembre 2020. I video verranno proiettati e diffusi nelle Ambasciate, nei Consolati e negli Istituti Italiani di Cultura di tutto il mondo, oltre a essere messi a disposizione anche del pubblico straniero, in versione sottotitolata.

20 PROGETTI ITALIANI

IL MAECI FINANZIA "GIOVANNI ALIGHIERI"

Nel quadro del bando "Vivere all'italiana sul palcoscenico", il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) – Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese, in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo (MiBACT) – Direzione Generale Spettacolo, ha selezionato su scala nazionale 20 produzioni artistiche di teatro, danza e circo contemporaneo rappresentative del panorama dello spettacolo dal vivo italiano.

Tra queste anche lo spettacolo Giovanni Alighieri, del fu Dante, prodotto da Xenia.
 
GIOVANNI ALIGHIERI
del fu Dante

In Giovanni Alighieri, del fu Dante l’opera e la vita di Dante sono riattraversate da una prospettiva specifica: quella di un uomo cólto, uno studioso, che si rivolge - in un dialogo immaginario - appunto a Giovanni, primogenito di Dante e Gemma, fratello maggiore dei più noti Pietro e Jacopo, celebri commentatori dell’opera paterna, e di Antonia, monaca a Ravenna col nome di Suor Beatrice.
La biografia di Giovanni per ora è tutta nelle pochissime parole di due documenti notarili del 1308 e del 1314, emersi dagli archivi negli ultimi cento anni di studi danteschi. Altro, di lui, non si sa. Giovanni perciò è ancora un esile uomo “di carta”, figlio del Novecento. Lo studioso - il protagonista dello spettacolo, interpretato da Massimo Popolizio - ricostruirà per Giovanni il profilo biografico e la storia della famiglia Alighieri, ma soprattutto l’opera di Dante e il possibile rapporto fra un padre così illustre e un figlio dall’identità incompiuta.
Per risalire ai fatti, lo studioso – in qualche modo come il beckettiano Krapp – ha a disposizione solo i “nastri” del proprio archivio e soprattutto della propria splendida biblioteca, dove manoscritti, libri contemporanei e antichi, oggetti d’epoca, frammenti audio e testimonianze video ricompongono il passato degli Alighieri e Canti scelti della Commedia.
All’interno della biblioteca si sviluppano anche gli interventi coreografici, affidati a due danzatori dello Spellbound Contemporary Ballet, presenze animate appartenenti al mondo segreto dei libri, che interagiscono con il testo dantesco e con immagini pittoriche emergenti dalle videoproiezioni.


In occasione delle celebrazioni mondiali per i 700 anni dalla morte di Dante
1321-2021

presenta

PROGETTO VINCITORE del BANDO
«Vivere all’italiana sul palcoscenico»
  
Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo
  
MASSIMO POPOLIZIO
in

Giovanni Alighieri, del fu Dante
 
danzatori
Lorenzo Capozzi
Linda Cordero

coreografie
Alessandra Chirulli
SPELLBOUND CONTEMPORARY BALLET

musiche e videomapping
Marco Schiavoni
   
assistenza e coordinamento
Agnese Ciaffei

progetto e regia
Enzo Aronica
Paolo Pasquini

fondata nel 2005
Lungomare Paolo Toscanelli 88, 00122 Roma, Italy
mob +393389367619/ +393384769765  associazioneculturalexenia@itpec.it
Torna ai contenuti